Armonia è Salute Ita   Eng



Fabebook G+ Google maps Tripadvisor
Home Chi Siamo Contatti Trattamenti Rubriche Tariffe Gallery Amici

piante Il freddo e il grasso buono

Cinque studi, che risalgono ad una decina di anni fa, hanno dimostrato che gli adulti posseggono un tessuto adiposo (grasso) denominato bruno, il quale, invece di immagazzinare lipidi come il grasso bianco, brucia calorie.

E’ ormai assodato che sia i lattanti che gli animali soliti a ibernazione possiedono questo tessuto adiposo bruno in grande quantità. Nel primo caso serve ai neonati per produrre calore e proteggersi dall’ipotermia, mentre nel secondo il tessuto adiposo bruno si attiva e brucia il grasso bianco per poter riscaldare l’animale al risveglio.
Si è riscontrato lo stesso tipo di tessuto adiposo anche in piccoli mammiferi che vivono nelle zone fredde del pianeta.

Tuttavia la scienza ha sempre creduto che gli adulti umani non possedessero questo tessuto adiposo bruno.

E’ stato solo con l’invenzione e l’utilizzo "casuale" della diagnostica per immagine che il tema ha incominciato a suscitare un certo interesse.
Risulta infatti che gli oncologi, per localizzare i tumori, cercavano tessuti che consumassero molte calorie. Tuttavia, ci si rese presto conto, che esistono zone del corpo umano adulto che, pur non essendo affette da cancro, bruciano molte più calorie di altre. Si è quindi scoperto che le zone intorno al collo e la clavicola sono ricche di tessuto adiposo bruno.

Le cellule del tessuto adiposo bruno, comunemente denominate “adipociti marroni”, sono molto diverse dalle loro cugine del grasso bianco, in quanto le prime sono ricche di mitocondri, considerati come piccole centrali elettriche. Questi, invece di produrre energia per permettere alla cellula di adempiere alle sue funzioni (per esempio contrarsi, nel caso di una cellula muscolare), generano calore, secondo il processo conosciuto come termogenesi. In altre parole, sei tu avessi molto tessuto adiposo bruno, bruceresti più calorie.

Gli studi del dott. Paul Lee (Sidney, Australia) suggeriscono che la ricerca sul tessuto adiposo bruno aprirebbe la strada a terapie alternative per combattere la obesità e il diabete. Ha dimostrato, infatti, non solo che 50g di tessuto adiposo bruno possono bruciare fino a 50g di grasso bianco al giorno, ma che le persone che abbondano di tale tessuto tendono ad avere livelli di glucosio inferiori nel sangue.

La ricerca ha ormai riconosciuto l’importanza di trovare una formula che permetta all’organismo umano adulto di generare tessuto adiposo bruno. Nonostante studi farmaceutici recenti si siano sforzati di produrre un farmaco in grado convertire il grasso bianco in tessuto adiposo bruno, sappiate che si può ottenere lo stesso risultato in modo molto più naturale.

Sembrerà assurdo, ma diversi studi hanno dimostrato che è possibile aumentare la quantità del proprio tessuto adiposo bruno semplicemente indossando meno vestiti o dormendo ad una temperatura più fresca, fino al punto, che ci crediate o meno, di tremare.
Trascorrere dai 10 ai 15 minuti al giorno ad una temperatura sufficientemente fresca da indurre un lieve tremore ha lo stesso effetto dell’esercizio fisico moderato nell’aumentare i livelli di grasso “buono” (ossia tessuto adiposo bruno).

Tremare dal freddo è una reazione naturale dei muscoli, che si contraggono per produrre calore e riscaldare il corpo quando la temperatura esterna è troppo bassa. Infatti, se la temperatura dell’ambiente scende sotto i 16°C e non siamo adeguatamente vestiti, avvertiamo i classici brividi.

La conversione del grasso bianco in “grasso bruno” avviene grazie all’effetto di un ormone, la irisina (scoperta nel 2012 da ricercatori dell’Università di Harvard), che è innescata dai muscoli sia durante l’esercizio fisico, che nell’atto di tremare dal freddo.

Durante il giorno mantenere una temperatura costante di 19°C in tutti i locali è più che sufficiente. Sfortunatamente, la tendenza oggigiorno è di surriscaldare gli ambienti, con effetti distruttivi sia sull’ambiente (a causa delle emissioni), che sulle persone, le quali, abituate ad un termostato di 22°C, tendono a ridurre i propri livelli di grasso bruno.


Rubriche
Corpo Mente Spirito allergeni

Allergie e intolleranze alimentari

Sempre più persone soffrono di allergie o intolleranze alimentari, ma cosa sono di preciso e cos'è che le provoca non è sempre chiaro.

In caso di allergia il sistema immunitario reagisce al fattore esterno scatenante, che viene chiamato Allergene, in modo sproporzionato provocando una produzione eccessiva di istamina[...]

Le intolleranze alimentari sono dovute a difficoltà o incapacità dell'organismo di metabolizzare o semplicemente tollerare una determinata sostanza presente nel cibo e non sono legate a reazioni immunitarie.

[continua...]

germi

Gli agenti patogeni

Il nostro organismo, oltre a svolgere tutte le funzioni che ci permettono di vivere, è costantemente allerta affinché il nostro corpo resti in salute.

[continua...]
rubriche
Torna su ↑
In questo centro si praticano trattamenti di discipline bionaturali volti al riequilibrio energetico, antistress, al benessere della persona, al miglioramento dello stile di vita in ambito fisiologico, per disturbi o malattie intercorrenti è necessario rivolgersi ad un medico. Gli operatori di questo centro non sono medici né fisioterapisti e non si sostituiscono a queste figure. Tutte le pratiche manuali di massaggio per il benessere non sono un sostitutivo delle terapie effettuate da operatori sanitari e non sono trattamenti estetici. E' opportuno consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi tipo di trattamento, al fine di verificarne la compatibilità con il proprio stato di salute.

A tutela dei clienti e degli operatori prima di effettuare qualsiasi trattamento si raccomanda di prendere visione delle informative esposte nel centro

CMS snc di Curtoni R. e Sobrero G. - V.Fucini, 20 - 20133 Milano - P IVA: 08923040961  info@armoniaesalutedbn.it